Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo.

Da quando Bacco ha arruolato poeti tra i suoi Satiri e Fauni, le dolci Muse san sempre di vino al mattino.

 

Quinto Orazio Flacco (65 a.C. – 8 a.C.)